Salsina all’acetosella

Arieccomi con un’altra ideuzza facile e veloce per utilizzare un’altra erbetta spontanea che spesso troviamo in giro e che io ho raccolto l’altro giorno durante la gita a Sant’Erasmo! ….l’acetosella appunto! …sicuramente se ci fate caso questa è una piantina spontanea che si trova in giro frequentemente, qui in città fà bordure spontanee ovunque… peccato che tutta questa abbondanza non sia fruibile… poichè non mi pare il caso di raccoglierla qui in mezzo al traffico cittadino! …l’altro giorno però quella di Sant’Erasmo l’ho raccolta moooolto serenamente! L’unico peccato è che era andata abbastanza “avanti”… le foglioline son già diventate durette e sarebbe sempre meglio coglierle giovani e tenere!… quindi il raccolto non è stato abbondantissimo!

Qui, come dicevo pocanzi, vi lascio un’idea veloce per una salsina ottima da spalmare su tartine, tramezzini… poi magari vi lascio qualche altra variante… comunque è un’erbetta che potete usare anche così come sta, aggiungendola ad insalate, così come facciamo con la rucola… dona un tocco asprigno molto gradevole… il nome infatti la dice lunga su che tipo di gusto può avere! 😉

  • 1 pugno di acetosella
  • 1 pugno di rucola
  • 80 gr di formaggio spalmabile (philadelphia o robiola)
  • un goccio di latte
  • 1 pizzico di sale

Lavate le erbe ed asciugatele bene. Frullate il tutto… aggiungendo latte poco per volta, giusto per dar la giusta morbidezza alla cremina… e poi è pronta! 🙂

Le varianti possibili sono tante, dal sostituire la rucola con del crescione, sempre per dare un tocco piccantino insieme all’asprigno dell’acetosella… o anche aggiungendo della buona erba cipollina! … si può usare la ricotta come base cremosa… o aggiungerla a salse a base di maionese! …usarla insomma come facciamo con le più comuni erbe aromatiche, sapendo che donerà al piatto un gradevole tocco di acidità! 🙂

****************************

Non solo in cucina: L’acetosella (Oxalis acetosella) è, come dicevo qui sopra, una pianta spontanea e perenne, molto comune e riconoscibile dalle foglie trilobate (cioè a trifoglio appunto) e dai suoi bellissimi fiorellini rosa o bianchi.

Il suo nome botanico ci fornisce già indicazioni, sia sul suo sapore …acetosella infatti ricorda l’aceto e quindi il suo gusto acidulo… e poi anche sull’elemento che è responsabile di questo sapore… cioè l’acido ossalico, di cui la pianta ne contiene una buona dose. Oltre a questo nell’acetosella troviamo anche vitamina C, ferro e mucillaggine. Ha proprietà diuretiche, astringenti, febbrifughe, depurative e rinfrescanti ma a causa dell’acido ossalico citato pocanzi è meglio evitarne o limitarne il consumo se si soffre di patologie alle vie renali o biliari, gatrointestinali o gotta.

Ad uso esterno le foglie hanno un buon effetto decongestionante e calmante sulle pelle irritate e arrossate.

Annunci

33 thoughts on “Salsina all’acetosella

  1. Se quella è davvero l’acetosella, in tutta la mia ignoranza l’ho sempre avuta sotto gli occhi senza saperlo 😦 !!! Ora però posso rimediare 😉 Un abbraccio, buon week end

  2. L’ho sempre pensato che le erbe di campo fossero un grande patrimonio per la nostra cucina e tu riesci a dare loro il giusto riconoscimento grazie alle tue preparazioni…davvero brava!
    Buon wend
    Roby

  3. ma come fai a riconoscere tutte queste piante ed erbe spontanee? io non ne sono proprio capace! sei bravissima! dev’essere molto particolare questa salsina!

  4. non sapevo che l’acetosella fosse anche cosi’ carina da vedere! Io sono una vera frana nel raccogliere le erbe di campo, non le riconosco (be’ forse ora la borragine si, grazie a quel fiore bellissimo) ed in ogni caso non le distinguo in mezzo al resto del verde! Anche funghi e asparagi selvatici sono una causa persa per me 🙂
    Una tartina pero non si rifiuta anche alle schiappe come me, vero?? 🙂

  5. A quanto pare fai la felicità di molti con l’acetosella (con me c’eri riuscita da tempo ;)). Ribadisco che questa salsina è tutta da provare: considerando la caparbietà della pianta in questione, direi che non conosce la stagionalità!
    Buona giornata,

    wenny

  6. Lo sapevo, lo sapevo io che quei fiorellini avevano un potenziale! Quando ero all’asilo ne andavo ghiotta, mi mangiavo solo i gambi però…Ma dato che non sono morta, il sospetto che fosse commestibile e pure bella e buona per molte ricette mi era venuta. Ecco la conferma! 😀

  7. Pingback: Salsina all’acetosella

  8. …non ci credo…ma io ho aiuole intere qui a casa di acetosella…
    O è un’altro tipo di fiore? A me pare lei…trifoglio che cresce spontaneamente e velocissimamente, fiorellini rosa bellissimi…
    Ma daiiiiiiiii
    Ottima la tua salsina…se è lei la provo..

  9. mi fai morire terry con tutte queste ricette cosi particolari e golose….mi ci vedi per napoli a cercare le erbette???sarebbe come mangiare smog allo stato puro!!come mi piacerebbe vivere in campagna e sperimentare le tue ricette!!!sei grande e ho una lista di erbe e fiori che devo cercare per provare i tutoi manicaretti speciali!Mi piacerebbe avere una amica come te vicina di casa avrei davvero tanto da imparare!!!!bacioni imma

  10. …non vale, io adoro questo blog: le ricette, le note sulle erbe aromatiche al fondo , le foto , il modo di scrivere, il fatto ceh sia così luminoso 🙂 un’altra stupenda idea, tesoro…io questa la spalmerei pura sui crostini di pane tiepidi!!dici che poi strizzo troppo gli occhi e fino a diventare una giapponesina????cosììì—-> ^-^ ahahah 😀 un abbraccione

  11. ottima direi!!!!
    lo sai che mi hanno appena spedito dall’inghilterra la nuova edizione di the gastropub cookbook???? da non credere!!! è bellissimo, grazie per avermelo fatto conoscere, è magnifico!!!
    bacio bacio bacio!!!

    • Ma dai…che contenta…. è davvero bello quello libro!!! chissà se la nuova edizione ha cose in più…ah che voglia!!! ora ci devi preparare delle ricettine dal libro!

      Un abbraccione a tuttiiiiii!

  12. Pingback: Il Gusto dei Fiori « Chi Non Mangia In Compagnia…

  13. d’accordissimo sull’uso alimentare della pianta ma è terribilmente infestante ho l’orto invaso e non riesco a liberarmene in nessun modo sparisce d’inverno e si ripresenta puntuale a primavera e per tutta l’estate prospera!!! aiutatemi domenico

    • Ciao Domenico, verissimo, l’acetosella cresce a dismisura… purtroppo però amandola in cucina, ed erboristeria ed anche per i suoi fiorellini rosa non ho mai pensato a come eliminarla!…prova a sentire dei siti o forum di giardinaggio! 🙂
      auguri per la tua lotta 🙂

      Terry

  14. Ciao ho appena scoperto questo sito: ricette meravigliose!
    Da noi (in Sicilia) viene chiamata acetosella un erba identica a quella che hai mostrato nella foto, ma i fiori sono gialli: che tu sappia è la stessa?
    PS: ho letto da qualche parte, che nel passato venivano mangiate anche le radici (cotte alla brace. E si può anche sgranocchiare il gambo, è leggermente amarognolo ma il gusot è piacevole, da piccola lo mangiavo sempre durante passeggiate in campagna.

  15. Ciao Viviana, ben trovata! Grazie per la visita e i complimenti!!! Ti confermo che l’acetosella fa anche fiorellini gialli e quindi stiamo parlando della stessa pianta! Nn sapevo dell’uso delle radici! Grazie per l’info! Il gambo lo sgranocchio anche io, la parte più tenera la uso poi, come x questa salsina! Un abbraccio e alla prossima!

  16. Pingback: Zucchine ripiene di tonno e ricotta alla acetosella – Tuna and ricotta stuffed courgettes with wood sorrel « Crumpets & co.

  17. Pingback: Penne con crema di zucchine all’acetosella, tonno e olive – Penne with wood sorrel and courgette cream, tuna and olives | Crumpets & co.

  18. Pingback: Penne con crema di zucchine all’acetosella, tonno e olive – Penne with wood sorrel and courgette cream, tuna and olives

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...