Pastarelle senesi – Siena walnut and anise cookies

Scroll down for english version

Vi ricordate vero che stiamo facendo un giro gastronomico d’Italia organizzato dal “Tour – ops… Food operator;) … La Trattoria Muvara?!?! … Dell’Abbecedario Culinario ve ne avete parlato qui per la prima volta?…e dall’ultimo mio post siamo passati anche per il Piemonte… a cui ho unito la ricetta della Bagna Cauda che postai tempo fà! …Ora il giro sta facendo tappa in Toscana… Guidati da Cindy… del blog Cindystar… E la mia testa ha iniziato a spaziare tra le mille ricette toscane che vorrei provare… Dal fare in casa i pici… Al caciucco… Ma il tempo a mia disposizione da dedicare alla cucina ultimamente è ben poco (già tanto che sia riuscita a far la colomba ;) )… Così sfogliando un libretto davvero carino di ricette toscane (“Cucina Toscana” di Guido Pedrittoni edito dalla Giunti-Demetra) …ho trovato la ricetta per queste pastarelle… Veloci quanto golose… che devo dire ricordano per busto e consistenza i Ricciarelli… solo che queste han le noci e non le mandorle!

Nel prepararle e cuocerle il profumo dell’anice pervaderà la casa e le vostre narici… E nell’assaggiarle …dopo aver addendato l’esterno leggermente croccante, incontrerete il morbido interno ricco di noci… anice e scorzette d’arancia candita!!! …davvero speciali!!!

  • 300 gr di farina
  • 300 gr noci
  • 300 gr di zucchero
  • 2 cucchiaini di semi di anice
  • 1 pizzico di cannella in polvere
  • 50 gr (io ne ho messi 70) di scorzette di arancia canditi

In un pentolino far sciogliere lo zucchero con 1/2 bicchiere d’acqua. In una terrina unire farina, le noci finemente tritate, i semi d’anice pestati in un mortaio, la cannella e le scorzdi arancia candite, miscelarle bene ed una volta tiepido lo sciroppo di zucchero versarlo al centro, mescolando prima con una spatola e poi lavorando l’impasto con le mani finchè compatto. Anche se vi sembrerà umido vedrete che pian piano l’impasto tende ad asciugare qui di non preoccupatevi. Con le mani formare delle palline che poi schiaccerete ad un’altezza di circa 1/2 cm dando loro forma ovale. Posizionarle su una placca da forno (la ricetta originale diceva di imburrarla ma io ho usato su una della carta forno e su un’altra un tappetino in silicone) e cuocerle in forno già caldo a non più di 150º per circa 30/35 minuti, facendo attenzione che le pastarelle restino chiare. Io, una volta fredde, le ho spolverate con dello zucchero a velo, anche se non previsto dalla ricetta.

************************

Siena walnut and anise cookies

Get ready …if you’ll ever try this recipe… to have the kitchen pervaded by the magic aroma of anise… Cos these cookies, that comes from the Tuscany town of Siena… are packed with walnuts… Candied orange peel and the anise seeds …which they all give them a unique and delicious taste! … They are quite similar to Ricciarelli… Other famous tuscan cookies which are made with almonds instead!

They are very easy and quick to make… So if you have all ingredients in your pantry… Lets start baking them!

  • 300 gr all purpose flour
  • 300 gr walnuts, finely ground
  • 300 gr caster sugar
  • 2 tsp of anise seeds
  • 1 pinch of ground cinnamon
  • 70 gr candied orange peel, finely choppes
In a saucepan melt the sugar in half a glass of water. In a bowl mix together the flour, the walnuts finely ground, the anise seeds crushed in a mortar and pestle, the candied orange peel and the cinnamon, mix well and then poor in the tepid sugar syrup, combine all ingredients kneaking with hands till you get a ball. Don’t worry if the dough may look a but sticky, cos it will dry quickly. With hands form little balls, flatten them to 1/2 cm and give them an oval shape. Place the cookies on a baking tray covered with parchament paper and bake them for about 30/35 minutes at no more than 150º, the cookies have to remain “white”. They will be crunchy on the outside and soft inside. Once they get cool dust with confectioners sugar.

*******************************

Anche questa ricettina, presa dal libro Cucina Toscana” di Guido Pedrittoni edito dalla Giunti-Demetra la aggiungo alla libreria dello Starbooks la bellissima iniziativa del blog Menuturistico di cui vi avevo parlato QUI!

About these ads

38 pensieri su “Pastarelle senesi – Siena walnut and anise cookies

  1. ciao, che belli e buoni… sono stata a Siena qualche anno fa e mi sono fermata in una pasticceria storica proprio nella piazza del famoso palio e credimi ho gustato dei dolcetti come questi e sono stati una gran delizia per il mio palato, mi segno la ricetta con una lacrimuccia al ricordo di quella favolosa settimana in Toscana!!!! baci

  2. Pingback: Pastarelle senesi – Siena walnut and anise cookies

  3. Bellissime pastarelle e bellissime foto!
    Io oggi ho preparato i loro cugini, i ricciarelli :-), quasi all’unisono :-)
    Grazie per averle portate preziosamente nell’Abbecedario!

  4. Sono senese, ma questi dolci non li conosco. E si che i dolci senesi li conosco a fondo vista la mia golosità impunita. Sono proprio curiosa, assomigliano ai Ricciarelli ma l’anice depista completamente la mia attenzione. Voglio controllare se ne parla Neri Parenti sul suo libro, adesso mi hai fatto venire una curiosità infinita. Ti posso garantire che questi dolci non si trovano in pasticceria, neanche nelle più tradizionali. Grazie per la condivisione. Un bacione, Pat

    • Ciao Patti!!! …io onestamente a Siena ci sn stata una volta ma non posso certo dire di conoscere le ricette locali… Mi son semplicemente affidata a quel libro che ho citato… Sperando sempre sian ricette originali! ;)… Cmq son buone davvero! …ed anche quello conta!!! ;) bacioni

  5. Che buoni devono essere questi biscotti, adoro il profumo dell’anice e la cannella è la mia spezia preferita :) Da tanti anni che vivo a Siena questi proprio non li avevo mai sentiti. Mi fanno venire in mente i cavallucci se non fosse per la mancanza di canditi e la minor qt di spezie. Sono proprio curiosa di assaggiarli, grazie per la ricetta :D Baciotti

  6. L’anice mi piace molto, sono stata a Siena ma questi biscottini non li ho mai visti [è pur vero che ci sono stata un week end e a sorpresa non l'ho passato a mangiare ininterrottamente] ma sembrano buonissimi =) Grazie per essere passata, anche io ti leggo sempre con piacere =)

  7. Ciao carissima Terry che bello tornare da te…e che belle le tue ricette sempre uno spettacolo come queste pastarelle senesi una vera chicca di golosità!!Mi piace moltissimo questo giro culinario italiano!!Bacioni,Imma

  8. Ciao Terry! Mentre mi barcamenavo fra asilo, piscina, cucina ecc ho visto i tuoi commenti, che mi fanno sempre troppo piacere!! Sei stata una delle mie primissime blog – amiche ;) … queste pastarelle ti sono venute perfettamente, chissà che buone… io fra l’altro sono un po’ a dieta quindi mi fanno una voglia…

  9. che buoni!! con le noci!! che bontà! da fare!! io nn sono riuscita ancora a partecipare alla trattoria Muvara quest’anno! speriamo di avere un po’ di tregua! ciao carissima!

    • Ciao Paola… Grazie della visita :)
      Togli pure l’anice e magari metti più cannella od un altro aroma che ami! Sicuramente vengon buone lo stesso!

      … E poi ringrazio tutti voi che siete passati di qua… È sempre un gran piacere ritrovarvi e leggervi! Grazie

      Un abbraccio collettivo!

  10. Stupendi! Ho giusto una bella busta di noci e questi biscottini mi sembrano perfetti!! Siena è fantastica, ci sono stata molte volte…che nostalgia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...