Hot cross buns

Scroll down for english version

Hot cross buns 3

Hot cross buns; Hot cross buns,

One a penny, two a penny, Hor cross buns,

Smoking hot, piping hot.

Just come out of the baker’s shop;

One a penny poker; two a penny tongs;

Three a penny fire-shovel, Hot cross buns.

oppure

Hot cross buns!
Hot cross buns!
One a penny, Two a penny,
Hot cross buns!

If you have no daughters,
Give them to your sons;
One a penny, Two a penny,
Hot cross buns!

Queste sono due filastrocche che ho trovato sugli Hot Cross Buns… la prima sul ricchissimo libro “The taste of Britain” …un tomo gigante tipo enciclopedia sul cibo britannico! …la seconda invece me la ricordavo ed ho trovato il testo sul web! 🙂

Ma che sono poi questi Hot Cross Buns?! …magari alcuni di voi se lo staranno chiedendo!… e magari alcuni di voi invece li conoscono e li avranno anche mangiati! …in ogni modo questi morbidi panini con la croce sopra arrivano dalla Gran Bretagna, dove vengono tradizionalmente preparati, venduti e gustati il Venerdì Santo prima di Pasqua …oggi insomma! 🙂

La vera origine di questi panini sembra essere sconosciuta o quanto meno incerta viste che le ipotesi sono svariate… chi dice di origine romane chi di origine sassoni …in ogni modo risalendo indietro durante le mie varie letture son arrivata fino al 1500! ….molte sono le “storie” e tradizioni folcloristiche che girano attorno a questi morbidi speziati panini… per esempio il fatto che i panini cotti il Venerdì Santo non diventano mai duri o stantii… questi panini poi venivano appesi in un angolo della cucina come porta fortuna… e le briciole di questi panini, se messe in acqua, si diceva fossero curative!… Inoltre condividere con qualcuno un hot cross bun si supponeva assicurasse amicizia per l’anno a venire… mentre se portati con sé durante un viaggio in nave scongiurava i naufragi!

Insomma… nei secoli questi dolci panini hanno alimentato detti, usanze e credenze e non hanno mai perso popolaritá e fama! …anzi nella Pasqua del 1792, questi buns, prodotti in gran quantità dalla Chelsea Bun House di Londra, furono perfino causa di una piccola rivolta tra la tanta gente che era in coda per averli! …a tutt’oggi sono comunissimi e non mancano di far capolino nelle vetrine di tutte le bakeries inglesi! 🙂

Hot cross buns 5

Io ho avuto modo di provarli in patria e mi son sempre piaciuti molto! …ed a dirla tutta questi panini li ho assaggiati e visti nei supermercati anche duranti altri periodi dell’anno e non solo a Pasqua! …comunque la tradizione vuole che li si gusti tagliati in due e tostati, serviti con del burro ma anche così semplici! …ho vagliato varie ricette in diversi libri e siti, tutte molto simili …con piccole varianti… ed alla fine questa è stata la mia versione che devo dire mi ha soddisfatto tantissimo! …i panini sono venuti morbidissimi e delicatamente profumati di spezie… molto simili agli originali che avevo avuto modo di assaggiare! …per quanto riguarda la croce sopra ci son ricette che prevedono una croce fatta con pasta frolla, altre con una veloce pastella fatta con acqua e farina… ed è quella che ho provato io perchè è così che mi ricordavo i panini che avevo mangiato!
Nelle varie ricette poi nei panini è prevista un po’ di “mixed dried fruit” …che di solito sta per uvette ed a volte candidi… io, non amando tantissimo i candidi, ho messo solo dell’uvetta ed un piccolo tocco di cranberries che avevo!

Ed ora vi lascio alla ricetta… non credo avrò modo di tornare sul blog prima di Pasqua… quindi

…auguro a tutti voi che passate di qua… sia un buon Venerdì Santo che una serana Pasqua! 🙂

Hot cross buns 4

  • 500 gr di farina di forza
  • 300 ml di latte tiepido
  • 1 uovo grande
  • 80 gr di burro morbido
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 150 gr di frutta secca mista (io ho usato 100 gr di uvetta e 50 gr di cranberries)
  • 3 cucchiai di spezie miste (cannella, noce moscata, chiodi di garofano, zenzero etc)
  • 1 bustina di lievito secco (di quello che si miscela alla farina)
  • 2 cucchiai di farina e 2 cucchiai di acqua fredda (per le croci)
  • 1 cucchiaio di golden syrup per glassare

Mettere nel cestello della macchina del pane il latte tiepido, lo zucchero, il burro morbido, il sale e l’uovo, sopra a questi mettere la farina miscelata con le spezie ed al centro di questa il lievito. Azionare il programma per solo impasto (il mio dura 15 minuti). Dovete ottenere un impasto morbido ed elastico. Metterlo in una ciotola e coprirlo con un canovaccio umido e lasciarlo lievitar in luogo tiepido per circa un’ora e mezza o finchè non raddoppia il suo volume. Trasferire l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata ed unirvi l’uvetta. Impastar per incorporarla bene e dividire l’impasto in 12 parti uguali. Formare delle palline e disporle in una teglia leggermente imburrata e coperta con carta forno. Ricoprirla con il canovaccio umido e riporla in luogo tiepido per un’altra oretta o finchè i panini saranno lievitati. Sbattere la farina con l’acqua e formare una pastella, metterla in una piccola sac-à-poche e formare delle croci sopra ai panini. Cuocerli in forno preriscaldato a 200° per circa 20 minuti o finchè belli gonfi e dorati. Appena sfornati spennellarli con il golden syrup leggermente caldo. Metterli su una gratella a raffreddare e poi staccarli uno dall’altro prima di servirli.

Note: Io per impastare ho usato la macchina del pane, altrimenti potete usare o un impastrice/planetaria o anche impastarli a mano, lavorando l’impasto per una decina di minuti. In tal caso fate una fontana con la farina miscelata con spezie e lievito, iniziate ad impastare il burro e lo zucchero, poi l’uovo, ed infine il latte e poi il pizzico di sale.
Se avete una teglia grande potete anche distanziare i panini tra loro ma comunemente quelli che vengono venduti sono uniti tra loro. 
Se non avete del golden syrup (una melassa chiara) potete fare un veloce sciroppo con zucchero e acqua sciolti assieme.

Hot cross buns 6-vert

English corner 2

Hot cross buns

Probably who reads me in english knows quite well what are these Hot Cross Buns! …for sure in England they are a long time tradition during Easter period! …to be precised Hot Cross Buns are traditionally eaten on Good Fridayso today! 🙂

Their origin is unknown or anyway uncertain …someone says they have roman origin, others say they are a saxon or pagan tradition… in any case what is sure is that these spicy buns are very old very famous and packed with folkloristic superstitions… such as that buns baked and served on Good Friday will not spoil or get stale or that placing some of its crumbs in water have medical properties. Then, sharing a hot cross bun with another person is supposed to ensure friendship throughout the coming year and hanging a bun in the kitchen is a kind of good luck charm!

I’ve had the chance to try these famous buns in England and i remember to have seen them in bakeries and supermarket shelves even outside Easter period… but for sure in these days they are a real populat treat! …you can serve them cold or toasted with butter… for me they are delicious in any way!

I’ve read different recipes in books and websites and they are all very similar with just few differencies… and this is my version!
I’ve been very happy with the results… not far from the original taste and softness! …I’ve seen that the cross on top can be made using shortcrust pastry or a batter made with flour and water… and this is what i used, cos the result reminded me of the buns i ate in England! 🙂

I don’t think i’ll be back on the blog before Easter… so let me say now

… Have a great Good Friday and a Happy Easter! 🙂

  • 500 gr of strong white flour
  • 300 ml of lukewarm mlik
  • 1 egg, big
  • 80 gr of butter, soften
  • 50 gr of light brown sugar
  • 150 gr of mixed dried fruit (i used sultanas and cranberries)
  • 3 tsp of mixed spice (cinnamon, nutmeg, allspice, cloves etc.)
  • 1 sachet (7 gr) of fast action dried yeast
  • 1 pinch of salt
  • 2 tbsp of flour + 2 tbsp of cold water for the crosses
  • golden syrup to glaze

I used my bread machine to knead the dough. Put, first of all, milk with egg, sugar, butter and salt, then on top the flour mixed with spices and the yeast in the middle. Start the kneading program (mine last 15 minutes). Once you get a smooth soft dough place it in a bowl and cover with a dump towel then place it in a warm place to rise. When doubled in size add the dried fruit and knead it well to combine them. Divide the dough in 12 little balls and place them in a buttered baking pan covered with parchement paper. Cover the pan with the dump towel and let the buns rise for at least another hour. Make a batter with 2 tbsp of flour and 2 tbps of cold water, place in a sac-à-poche and make the crosses on top of the buns. Bake them in preheated oven at 200° for 20 minutes or till they get golden. When still warm glaze them with golden syrup slightly warmed.

Notes:If you don’t have the bread machine you can use a stand mixer or you can knead the dough by hands, making a well with the flour mixed with spices and yeast and then adding butter, sugar, egg, milk and salt at the end. Then procede as described above.
If you don’t have golden syrup you can use a quick syrup made with water and sugar.
If you like you can place the dough balls more separated in a baking tray but the classic ones i’ve used to eat where baked close as you see from pics.

Hot cross buns 2

*********************************************

Unisco questa ricetta all’Abbecedario Culinario della Comunità Europea che dal 15/7/2013 al 4/8/2013 è ferma  in Gran Bretagna!… siamo infatti arrivati alla lettera  J delle  Jacket Potatoes, tipico piatto inglese presentato dalla nostra ambasciatrice Alex.

L'Abbecedario Culinario della Comunità Europea

Annunci

16 thoughts on “Hot cross buns

  1. Ciao, pur abitando in Irlanda daun po’ nn li ho mai assaggiati… Ma sono già stati infornati e domani o domenica Li divideremo con amici..poi ti farò sapere quanto ci sono piaciuti!!nel frattempo Buona Pasqua! Martina

    • scusa se non ti ho piu’ aggiornato, sembra impossibile sia gia’ passato un anno… ma oggi li ho rifatti e quindi sono ripassata di qui!!! sono davvero buonissimi, graditissimi dagli amici a cui li abbiamo portati… quest’anno invece ce li godiamo a casa nostra, vedremo se la piccola li benedisce 😛
      buona pasqua!

      • Ciao Martina, son felice che tu abbia rifatto gli hot cross buns… è vero… anche per me un anno è volato! …bello ritrovarsi qui! chissà che la piccola li abbia graditi!
        Un abbraccio e Buona Pasqua a te a alla tua famiglia! 🙂

      • no purtroppo no… deve essere la cannella, tutta suo babbo!!! 😉 io invece ci farei il bagno!!! anche se qui la cannella nn si sente poi cosi’ tanto (anche il fissato dice che non si sente troppo! e infatti lui li gradisce assai!!!)

  2. Pingback: Hot cross buns

    • Ciao gheriglio! 🙂
      Onestamente io il lievito madre non l’ho mai usato ma so, avendo cmq letto su alcuni libri e siti che di solito é circa un terzo del peso della farina… Direi quindi circa 150 gr… Poi sui tempi di lievitazione nn so, credo che lí dipenda anche dalla forza che ogni singolo lievito madre ha… Cmq basta che guardi quando l’impasto é raddoppiato di volume!
      Spero di esserti stata utile!
      Un abbraccio

      ….ed a tutti quelli che passano di qui…. Buona Pasqua! 😉

  3. devono essere buonissimi! dalle mie parti in questo periodo,ma adesso si trovano anche tutto l’anno,sono comuni i panini di cena,piccoli panini morbidissimi ricoperti di semi di sesamo,o in gergo “ciciulena”,all’intenso profumo di cannella! un bacio ciao

  4. Pingback: J is for Jacket Potatoes … e vi porto con me in UK. | food 4 thought

  5. Pingback: Muffins cocco-lampone – Raspberry and coconut muffins | Crumpets & co.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...